Finale di partita GOLA #03

foto e video di Jordi Morell
musica di Massimo Fava

VELLUTATA DI ZUCCA,
CASTAGNE ARROSTO,
FORMAGGIO ALLE ERBE
E POLVERE DI BACON.

INGREDIENTI:
• Zucca (circa 1.3 kg)
• 2 Cipolle rosse
• 1 Radice di Zenzero
• 200 g di Castagne
• 300 g di Pane integrale
• 100 g di Bacon a fette
• 50 g di Formaggio fresco
• Prezzemolo
• Aglio
• Peperoncino
• Olio EVO
• Sale / Pepe bianco
• Finocchietto selvatico (per guarnire)

Negli scacchi il finale di partita rappresenta la fase conclusiva del gioco in cui, i pochi pezzi rimasti sembrano concorrere alla vittoria tutti con le stesse possibilità. Il Re non è più un pezzo da difendere, conduce attivamente lo sviluppo dell’azione interfacciandosi con tutte le combinazioni possibili. Non ne esiste una dominante, tutte possono verificarsi. I giocatori esperti però riconoscono il vincitore già all’inizio di questa fase. Continuano a giocare consapevolmente, la vittoria sembra non essere la priorità. Quello che conta è in che modo si sceglie di direzionare l’esperienza del gioco.

Video: Jordi Morell | Musica: Massimo Fava

Mettiamo prima di tutto a mollo le castagne in acqua fredda, ci tornerà utile più avanti. Con un coltello apriamo la zucca, la puliamo e la tagliamo in pezzi della stessa misura. Procediamo facendo soffriggere in una pentola la cipolla e lo zenzero con un filo di olio EVO ed un peperoncino spezzato. Aggiungiamo la zucca, regoliamo di sale e pepe e copriamo con un litro abbondante d’acqua. In questa preparazione non esiste un ingrediente che si impone sugli altri, puntano tutti ad un risultato di insieme, giocano la stessa partita. Mentre la zucca cuoce a fuoco medio, disponiamo il bacon su una griglia ed inforniamo a 180°C fin quando non avrà perso tutto il grasso e sarà diventato croccante. Schiacciamo uno spicchio d’aglio e strofiniamolo su una padella, aggiungiamo un filo d’olio EVO e, una volta tagliato il pane a cubetti, facciamolo colorire. Tolto il bacon dal forno, riduciamolo in polvere battendolo con un coltello su di un tagliere. Fuori il bacon e dentro le castagne, precedentemente scolate ed incise lungo la curva della loro pancia. Un altro pezzo in gioco, un nuovo schema si svela ai fini della mossa finale. Per aggiungere una sfumatura in più e sgrassare la dolcezza del piatto,aggiungiamo del prezzemolo tritato al formaggio fresco; una nota acida scomposta ad ogni cucchiaiata. Togliamo le castagne dal forno e le priviamo della buccia, le spezziamo in modo irregolare per offrirne entrambe le facce, la dolce e la croccante. Il gioco sembra essere al termine. La zucca ha conservato i suoi aromi e si arrende al frullatore ad immersione. Diventerà una crema non troppo liscia, uno strato consistente pronto ad essere contaminato.

Sapevamo già che sarebbe andata così eppure abbiamo giocato, il risultato è ancora tutto da decidere. Montiamo il piatto: base croccante di pane, crema di zucca e castagne arrosto, aggiungiamo il punto acido del formaggio e quello salato del bacon, guarniamo con del finocchietto. Sei tu a scegliere come concludere la partita, quale combinazione di sapori è più adatta, da dove vuoi partire e dove vuoi arrivare. Una sfumatura diversa ad ogni cucchiaiata ed un’unica certezza: l’importante è aver scelto di giocare bene.